Tecnologia
Ultime notizie

Circuiti elettronici stampati sui fiori

L’idea è nata circa tre anni fa casualmente mentre gli scienziati del progetto stavano testando e studiando delle nuove leghe di metalli liquidi per stampare circuiti.

Queste nuove leghe metalliche non richiedono alte temperature, sono flessibili e possono essere stampati sui fiori.

Gli ingegneri utilizzano particelle di metalli liquidi quali il bismuto, indio e stagno, di dimensioni pari a circa 10 milionesimi di metro.

La tecnologia, che finora ha permesso di stampare circuiti su petali di rosa, fogli di carta e perfino sulla gelatina, è descritta sulla rivista Advanced Functional Materials dal gruppo dell’Università americana dell’Iowa coordinato da Martin Thuo.

Si apre così la strada a nuove tipologie di sensori applicabili a diversi tipi di materiali, per controllare ad esempio la solidità di un edificio o il ritmo di crescita delle colture.

Gli ingegneri hanno utilizzato particelle di metalli liquidi come bismuto, indio e stagno, di dimensioni pari a circa 10 milionesimi di metro, per realizzare circuiti elettronici flessibili che possono essere stampati su materiali molto fragili.

Se ti è piaciuto il nostro articolo puoi votarlo!
[Totale: 1 Media: 5]
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close