Ingegneria aerospazialeMissioni

Luca Parmitano sulla Stazione Spaziale

La Soyuz si è stacca dal Gagarin’s launch pad di Baikonur e spinta dai suoi quattro propulsori che bruceranno 225 tonnellate di carburante e ossigeno liquido, è arrivata in orbita dove si geostazionerà a circa 25mila chilometri orari e si dirigerà verso la Stazione spaziale internazionale, dove attraccherà in circa sei ore dalla partenza. L’approccio rapido è stato testato la prima volta nel 2013 proprio da Parmitano. Prima, il rendez vous con la stazione orbitante richiedeva due giorni di viaggio.

Numerose sono le attività di ricerca scientifica previste per gli astronauti della Expedition 60, impegnati in più di 250 esperimenti scientifici nei sei mesi di permanenza nello spazio.

Se ti è piaciuto il nostro articolo puoi votarlo!
[Totale: 1 Media: 5]
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close